Cinque anni di grandissima crescita, un percorso con un obiettivo chiaro, e Cento è diventato un modello a livello provinciale e regionale in termini di messa in rete di istituzioni, professionisti, imprese, formatori e studenti.

L’Amministrazione Comunale ha voluto infatti potenziare in particolare l’azione dell’informagiovani – servizio che si rivolge a giovani dai 14 ai 34 anni – per quel che riguarda l’orientamento scolastico e professionale, ritenendo necessario un intervento, anche comunale, nelle politiche per il lavoro e la formazione delle giovani generazioni.

E grazie a questo, si sono rafforzati considerevolmente i rapporti con aziende e agenzie per il lavoro del territorio, che si rivolgono all’informagiovani per avere nominativi di giovani da impiegare in vari profili, sia attraverso tirocini che apprendistato. Dal 2016 al 2021 si sono finalizzate 32 assunzioni di giovani dai 19 ai 29 anni.Continue reading

Share

Dal 9 all’11 novembre al via OrientaCento, la seconda edizione del Festival dell’Orientamento e del Lavoro del Comune di Cento: tanti laboratori e testimonianze per capire cosa si aspetta il mondo del lavoro da noi, quali indirizzi di studio universitario e professionale offre il territorio e le opportunità previste per i giovani dall’Unione Europea.

Saranno giornate davvero importanti, e il Comune di Cento si conferma protagonista nell’ambito delle politiche di orientamento universitario e professionale.

Continue reading

Share

Con grandissimo piacere, abbiamo ricevuto la notizia che Cento è tra le 23 reti europee finanziate dal programma europeo Urbact III sulle 62 domande presentate. Il progetto ‘Cittadini attivi: la partecipazione dei cittadini nelle piccole e medie città’ (‘Active Citizens’) mette in rete le 8 città europee di Agen (Francia), Santa Maria de Feira (Portogallo), Hradec Králové (Repubblica ceca), Tartu (Estonia), Bistrita (Romania), Saint-Quentin (Francia), Dinslaken (Germania), oltre a Cento.
Obiettivo di ‘Active Citizens’ è mettere a punto nuove modalità di partecipazione attiva dei cittadini, una partecipazione quanto più trasversale e accessibile anche tramite gli strumenti digitali.
Al fine di ripensare e migliorare nel suo complesso la governance urbana, le 8 città si troveranno a condividere le proprie esperienze in tema di partecipazione civica e a interrogarsi su nuove possibili forme di cooperazione tra il singolo cittadino, l’amministrazione pubblica e il politico.

Continue reading

Share