Conoscere le aziende del territorio per conoscere il proprio futuro!

Da lunedì Cento ospiterà il kick-off meeting del del progetto Erasmus+ VETBUS, finanziamento europeo coordinato da Centoform Formazione e di cui il Comune di Cento è partner. Un risultato importante, che riconosce la nostra città come all’avanguardia nell’orientamento professionale.

Il progetto prevede una stretta collaborazione tra aziende, Enti Locali, enti di formazione e Scuole provenienti da Italia, Polonia, Norvegia, Spagna e Romania, che collaboreranno per oltre un anno a partire proprio dal 13 novembre, in occasione dell’incontro di inizio progetto a Cento.
Il Comune e Centoform promuoveranno diverse iniziative nel corso della settimana, a cui parteciperà attivamente anche la delegazione europea. Di particolare rilevanza la seconda edizione, lunedì 13 alle 20.45 in sala Zarri di Palazzo del Governatore, della conferenza denominata ‘Le aziende si presentano: giovani e lavoro’, un’occasione per ragazzi, famiglie e aziende del territorio di discutere insieme sulle competenze ritenute più utili per entrare nel mondo del lavoro. Con lo stesso obiettivo, sarà realizzato il progetto ‘Bus dell’Orientamento’, un tour guidato dedicato agli studenti delle scuole superiori del territorio presso aziende del Cento-Pievese che apriranno le loro porte e racconteranno ai giovani delle figure professionali e dei valori che creano quotidianamente eccellenze.


L’adesione al progetto ‘Vetbus’ rappresenta un’ulteriore occasione per il Comune di Cento e per i suoi cittadini di attrarre risorse europee insieme a partner locali forti e motivati. La risposta delle imprese è stata molto buona. Questa iniziativa segue la prima, pilota, sviluppata con successo lo scorso anno, tanto da esser riusciti ad avere un riconoscimento economico da Brussels. Crediamo che questo processo virtuoso, che abbiamo iniziato grazie al successo del nostro Informagiovani e alla sua capacità di rispondere alle esigenze sia della domanda che dell’offerta di lavoro, sia cruciale per lo sviluppo del nostro territorio.

Share

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *